Incontri d’Amore – Storie Reali e Surreali – A cura di Silvana Ceruti – La Vita Felice Edizioni

Copertina del Libro – Fotografia di Margherita Lazzati, Love on the road New York 2006 – La Vita Felice Edizioni, Milano

Carissimi Amici di Alla fine dei Conti

se la Morte è il congedo dalla terra dei vivi, l’energia fondamentale della Vita dell’uomo è l’Amore.

Quell’Amore coltivato come un percorso lento e determinato che permette l’incontro di due realtà, dall’io al tu e viceversa, in grado di ridurre il peso delle “incrostazioni” dell’egoismo e che esorta e restituisce dignità alle relazioni in genere, ma anche quell’Amore che nasce tra coppie inusuali, quando “nell’incontro d’amore” ad essere coinvolti nell’innamoramento sono elementi dello spazio che ci circonda, della natura o creati dalla mano dell’uomo. 

William Adolphe Bouguerau, L’Amor s’invola, 1901, olio su tela, Al. 170 x La. 112 cm. Museo d’Arte di Frye, USA

William Adolphe Bouguerau, La Rochelle, Francia, 30 Novembre 1825 – La Rochelle, 19 Agosto 1905

Citando Raymond Clevie Carver Jr. (Clatskanie, 25 Maggio 1938 – Port Angeles, 2 Agosto 1988), potremmo chiederci “Di cosa parliamo quando parliamo d’Amore”, oppure potremmo soffermarci a riflettere “Sull’amore” con il piccolo trattato filosofico del teologo Pierre Teilhard de Chardin (Sarcenat, Puy-de-Dôme, 1° Maggio 1881 – New York 10 Aprile 1955).

 William Adolphe Bouguerau,  Giovane ragazza si difende da Cupido, 1880 circa, olio su tela, Al. 81,6 x La. 57,8 cm. J. Paul Getty Museum

Amore, Energia della Vita

Pierre Teilhard de Chardin racconta la scoperta della legge della Creazione denominata Complessità-Coscienza che riassume in un unico processo l’intera storia dell’Universo. La Materia si organizza attimo dopo attimo in corpuscoli sempre più funzionali che possiedono un’interiorità appena percettibile che conclude nella coscienza riflessiva, quella dell’uomo.

Claude Monet, Il fazzoletto rosso, 1868 – 1873 circa, olio su tessuto, Al. 128,3 x La. 105,7 cm. Cleveland Museum of Art. USA

Oscar Claude Monet, Parigi, 14 Novembre 1840 – Giverny, 5 Dicembre 1926

La Creazione è un immenso moto di convergenza in cui si evidenzia il ruolo dell’interiorità, della psiche, dell’intelletto, della volontà, del libero arbitrio, dell’Amore. Ma quale nome dare all’energia che emerge dalla massa cosmica per formare la società umana e condurla al suo compimento?

Pierre Teilhard de Chardin non ha dubbi: il suo nome è Amore. L’Amore che costruisce il mondo. 

Gustave Jean Jacquet, La coquette, 1890 circa, olio su tela, Al. 61 x La. 81,3 cm. Collection of Fred and Sherry Ross – United States

Gustave Jean Jacquet, Parigi 25 Maggio 1846 – Parigi, 12 Luglio 1909

Incontri d’amore – Storie reali e surreali

Copertina del Libro – Fotografia di Margherita Lazzati, Love on the road New York 2006

La Vita Felice Edizioni, Milano

La curatrice, Silvana Ceruti

Silvana Ceruti – Fotografia di Francesca Forlenza

Festival Mantova Poesia – www.mantovapoesia.it – La luminosa ombra della Poesia – 12 Maggio 2018

Silvana Ceruti, si considera tenacemente toscana, anche se vive a Milano da quando aveva un anno. Laureata in Pedagogia, ha pubblicato numerosi libri scolastici con varie case editrici. Formatrice e docente in corsi sulla comunicazione si dedica in modo particolare all’insegnamento della scrittura poetica. 

Nel 1994 ha aperto un laboratorio di scrittura creativa nel carcere di Milano – Opera e ancora lo conduce. Numerose le antologie da lei curate. Abbi cura dei fili d’erba è la sua pubblicazione di poesia (La Vita Felice 2014).

Egon Schiele, Femmina in ginocchio con vestito Arancione/Rosso, 1910, Gesso Nero e gouache su carta, Al. 446 mm x La. 310 mm.

Leopold Museum, Vienna

Qualche domanda a Silvana Ceruti

Perché questa antologia?

Cercavo un tema interessante, un tema che potesse avvincere i lettori di queste storie e così ho pensato che niente ha più fascino dell’amore e degli incontri, l’Amore perché è qualcosa che dà senso alla vita, l’Incontro è la vita stessa.

Cosa contiene?

Storie raccontate in prosa e anche in poesia.  Vi sono storie reali, ma anche surreali. Surreali come la storia un tergicristallo innamorato di una foglia di pioppo o quella di una pulce con… non dirò con che cosa! Perché vorrei che questa antologia suscitasse la curiosità, che è una bella molla per la lettura, vorrei che il lettore nel prendere in mano questa antologia si chiedesse: “Quali incontri hanno avuto gli 80 autori di questa antologia?”

Bella è poi  la diversità degli incontri. Non vi sono solo gli incontri con un lui e con una lei, ci si trova davanti anche l’incontro d’amore con una quercia, un gattino, un flauto, la poesia, la luna, un vino, un campione sportivo… ecc. 

Spero poi che questo libro susciti immedesimazione, empatia: vari autori hanno parlato di amore per un luogo  e sono sicura che l’amore per un luogo ci accomuna, noi siamo intrisi di luoghi. E l’empatia è una bellissima qualità umana.

Un augurio per il lettore?

Che si diverta, sorrida, si commuova alla lettura di queste storie. Che si domandi: qual è il mio incontro d’amore?  Uno solo o ho diversi incontri d’amore?

È bello interrogarsi, un libro aiuta anche a questo

Un tuo pensiero  dopo l’impegnativo lavoro svolto con gli autori?

Come curatrice poter leggere e vivere di riflesso queste storie l’ho considerato un arricchimento e un dono di fiducia da parte degli autori e non posso che ringraziarli. Un arricchimento che auguro a tutti quelli che le leggeranno.

Gustav Klimt, Dama in poltrona, 1897 – 1898, olio su tavola, Collezione Privata

 Dalla “Presentazione” di Diana Battaggia

Diana Battaggia è nata nel 1954 a Mogliano V.to (TV). Vive e lavora a Milano. Direttore Editoriale Poesia presso La Vita Felice, cura e promuove poesia da quindici anni.

Diana Battaggia

Dopo la felice esperienza della curatela dell’antologia Sguardi di donne. Racconti autobiografici al femminile, l’indomita Silvana Ceruti tesse una nuova tela di inviti chiedendo la disponibilità di autrici/autori per raccontare una situazione indimenticabile della vita di ognuno: l’incontro d’amore.

Anche se Jung asserisce che non esiste la casualità, bensì la sincronicità ovvero coincidenze significative come lo sono quei collegamenti tra persone, oggetti, entità varie che pare non abbiano alcuna attinenza tra loro ma assumono un significato e un senso per chi li vive, una specie di chiaroveggenza interiore che crea stupore ed emozione, gli incontri accadono e molto spesso ne scaturisce una magia di coinvolgimento.
In molti hanno risposto all’invito di Silvana e l’antologia Incontri d’amore raccoglie le testimonianze di ottanta autrici/autori con testi, in prosa e poesia, in cui il tema è stato interpretato in modi differenti e originali.
Non tragga quindi in inganno il titolo che potrebbe suggerire unicamente l’incontro tra una “lei” e un “lui” con relativo e reciproco colpo di fulmine.
Nei racconti si trovano rimandi a diadi inconsuete, nelle quali l’oggetto dell’innamoramento a prima vista può essere uno strumento musicale, la luna, la poesia, una quercia, un luogo, un gatto, un campione sportivo, una pala, il profumo di un vino o una canzone.

Julius Rolshoven, Campo di papaveri, 1887

Julius Rolshoven, Detroit, USA, 28 Ottobre 1858 – New York, 7 Dicembre 1930

La Vita Felice Edizioni – Milano

La nuova Antologia Incontri d’amore è una proposta editoriale grazie al prezioso lavoro di editing della curatrice Silvana Ceruti, al coinvolgimento di Diana Battaggia e al supporto dell’ottimo editore Gerardo Mastrullo.

Nate nel 1992 le edizioni La Vita Felice hanno dato vita ad un progetto editoriale che ha da subito individuato la sua mission sviluppatasi all’insegna dell’economico e del tascabile, ma caratterizzato da una particolare cura per la qualità grafica e il livello culturale dei libri, l’accuratezza delle traduzioni, la qualità delle prefazioni e delle curatele. A distanza di venti anni,

La Vita Felice alla guida dell’editore Gerardo Mastrullo, ha pubblicato titoli significativi e vari, appartenenti a generi e ad ambiti diversi e articolati in numerose collane.  L’impegno culturale volto alla diffusione del libro, per favorire il piacere di leggere e l’ampliamento della conoscenza, oggi è potenziato attraverso la pubblicazione di due riviste, l’organizzazione di eventi, la partecipazione a numerose fiere ed esposizioni, la promozione in rete sul sito istituzionale – www.lavitafelice.it  sui social networks (Facebook e Twitter), la capillare distribuzione affidata a Messaggerie Libri.

Lucio Fontana, Concetto Spaziale Attese, 1963

Ringrazio sentitamente tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di Incontri d’amore.

Penso che in questo difficile momento della storia dell’uomo, le tracce lasciate dagli autori possano essere lette come personali messaggi allo scopo di dimostrare che nulla si perde e le parole, come piantate al riparo dal vento e conservate nel luogo del cuore, abbiano sostenuto nel tempo il loro vivere nell’ardire di affrontare, con amore sincero, qualunque incerta strada.

Un caro saluto

Elena Alfonsi